Federazione sportiva svizzera di tiro

30 ori, argenti e bronzi per la squadra nazionale

Die Heldinnen und Helden der Weltmeisterschaften 10/25/50m Kairo. Vordere Reihe (v.l.): Nina Christen, Sarina Hitz, Silvia Guignard, Gina Gyger, Jennifer Kocher und Marta Szabo. Hintere Reihe (v.l.): Gilles Dufaux, Sandro Greuter, Pascal Bachmann, Jan Lochbihler, Anja Senti und Franziska Stark.

Die Heldinnen und Helden der Weltmeisterschaften 10/25/50m Kairo. Vordere Reihe (v.l.): Nina Christen, Sarina Hitz, Silvia Guignard, Gina Gyger, Jennifer Kocher und Marta Szabo. Hintere Reihe (v.l.): Gilles Dufaux, Sandro Greuter, Pascal Bachmann, Jan Lochbihler, Anja Senti und Franziska Stark.

Campioni del mondo in lacrime, pietre miliari nella promozione dei giovani talenti e 30 medaglie: in occasione della riunione dei quadri dello sport d’elite e del promovimento speranze nella Haus des Sports di Ittigen, i presenti hanno passato in rassegna l'anno sportivo appena concluso e hanno celebrato i loro eroi ed eroine.

«No, Jan qui non è seduto sul water», ha detto il capo dello sport d’elite Daniel Burger a proposito di un'istantanea di Jan Lochbihler ai Campionati del Mondo del Cairo. L'immagine mostra Lochbihler che si nasconde la testa tra le mani. Poco dopo è stato incoronato campione del mondo. L'istantanea è emblematica delle emozioni dei Campionati del Mondo che si celano dietro gli atleti d'élite e juniores.

Prestazioni sportive di alto livello
A livello internazionale nelle gare juniores femminili e maschili ha brillato in modo particolare Gina Gyger. La tiratrice di Soletta ha vinto tre medaglie d'argento e una di bronzo in varie discipline sia ai Campionati europei di Wroclaw che ai Campionati mondiali del Cairo.
Anche nella categoria élite, una tiratrice e un tiratore dell'Altopiano sono andati a segno due volte: la specialista a 300 metri Anja Senti non solo è diventata campionessa europea; la bernese ha anche ottenuto il punteggio massimo e quindi il nuovo record europeo. Poche settimane dopo, Senti è diventata campionessa del mondo nella stessa disciplina al Cairo. Anche Jan Lochbihler: nella disciplina 50m a terra, il solettese è diventato campione europeo e mondiale. Un campionato del mondo che ha fatto venire le lacrime agli occhi: in vetta al podio, le lacrime di gioia di Senti e Lochbihler sono apparse durante l'esecuzione dell'inno nazionale.

30 medaglie
Tra i tiratori di pistola, è stato Adrian Schaub di Basilea Campagna a diventare campione europeo nella gara a 25 metri con la pistola a percussione centrale ai Campionati europei di Wroclaw. «La medaglia d'oro di Adrian è stata citata persino sul Teletext», ha dichiarato un felicissimo allenatore principale Daniel Burger.
Le tiratrici di carabina Sarina Hitz, Chiara Leone, Silvia Guignard, Michèle Bertschi, Nina Christen e Franziska Stark e i tiratori di carabina Pascal Bachmann, Gilles Dufaux, Sandro Greuter, Christoph Dürr e Lukas Roth hanno conquistato altre medaglie. Marta Szabo e Jennifer Kocher hanno brillato nella gara di carabina juniores donne.

Pietre miliari della FST
Daniel Burger si è inoltre rallegrato per il successo della messa in funzione della nuova sala di tiro a 10 metri al CNP di Bienne, dotata di 25 bersagli e in grado di offrire ai nostri professionisti condizioni di allenamento ottimali. «In confronto, la sala di 10 metri del Cairo è circa 20 volte più grande», spiega Burger con un sorriso.
Un'altra pietra miliare per Burger è il lancio del programma di sviluppo giovanile «NLZ Form 3». Le juniores Larissa Donatiello e Vivien Jäggi hanno iniziato lo scorso agosto e ora trascorrono circa la metà del loro tempo con il tiro sportivo assieme alla loro allenatrice Annik Marguet.

Fondata l’associazione degi atleti
Inoltre, quest'anno la squadra nazionale ha fondato un'associazione di atleti. Si tratta di rappresentare gli atleti e di sostenerli in questioni che non sono direttamente collegate allo sport. Per esempio, nelle questioni di alimentazione o di marketing, spiega il presidente dell'associazione Christoph Dürr: «questo significa anche unire i nostri punti di forza. Se alcuni di noi vogliono farsi fare delle foto professionali, ad esempio, non ha molto senso che ognuno corra da solo dal fotografo e abbia molte spese. Si può farlo insieme.»
L'associazione è guidata da Christoph Dürr (presidente), Dylan Diethelm (rappresentante dei tiratori di pistola), Chiara Leone (cassiera) e Muriel Züger (attuario). Anja Senti e Pascal Bachmann sono anche i revisori dei conti.

Ritiri e orientamento al futuro
Purtroppo, ci sono anche alcuni ritiri di membri dell’ambito Sport d’elite squadra: la tiratrice di carabina Joelle Baumgartner, l'allenatore speranze Urs Jenny, i tiratori di carabina Christian Alther, Sven Riedo e Lars Färber e il tiratore di pistola Steve Demierre. Quest'ultimo si congederà l'anno prossimo, poiché non ha potuto partecipare alla riunione dei quadri per malattia. L'applauso più grande, tuttavia, non è stato rivolto agli atleti premiati, ma alle due signore che facilitano la vita quotidiana dei professionisti del settore: Jasmin Lustenberger, responsabile amministrativa del dipartimento promovimento speranze ed Eltiona Miroci, assistente capo sport d’elite. Entrambe hanno di nuovo il loro bel da fare, perché tra poche settimane la nazionale sarà già impegnata in competizioni internazionali in tutto il mondo.

Galerie

DSC06167.JPG DSC06172.jpg DSC06183.JPG DSC06185.JPG DSC06188.JPG DSC06191.JPG DSC06194.JPG
swiss_olympic_member.png Swisslos_Logo.png Logo_LoRo.jpg STG_ohne_Claim_RGB.jpg