Federazione sportiva svizzera di tiro

La consigliera federale si lascia andare

Die Freude nach dem erfolgreichen Abfeuern des Vorderladers war Viola Amherd anzusehen

Die Freude nach dem erfolgreichen Abfeuern des Vorderladers war Viola Amherd anzusehen

Sabato, la Festa Federale di Tiro di Lucerna 2020 si è conclusa festosamente al centro espositivo di Lucerna con la consegna della bandiera. Anche la consigliera federale Viola Amherd ha partecipato alla cerimonia ufficiale.

La giornata ufficiale di sabato 16 ottobre 2021 ha segnato la fine ufficiale della FFT. Alla cerimonia ufficiale hanno partecipato la consigliera federale Viola Amherd, numerosi ospiti d'onore, i Re del tiro della FFT nelle sei discipline e, naturalmente e soprattutto, molti tiratori di tutte le regioni linguistiche della Svizzera.

La cerimonia è iniziata con una sfilata sull'Allmend di Lucerna, guidata dalla Lucerne Marching Band, seguita dalla musica militare, dagli ospiti d'onore - in primis la consigliera federale Viola Amherd - e naturalmente dalle delegazioni con le bandiere delle federazioni cantonali della FST. Sopra le loro teste volava un Super Puma dell'esercito con un'enorme bandiera svizzera - il saluto della aviazione svizzera ai presenti.

Quando sono giunti davanti alla Hall 1 dell'Allmend, è stato necessario proteggersi le orecchie - almeno questo fu il consiglio del comandante della congregazione Safran. Poco dopo, ci fu un tuono quando i granatieri hanno sparato la salva di saluto con le loro armi ad avancarica.

Tutti gli occhi si sono poi rivolti verso Viola Amherd, che non ha perso l'occasione di mettere personalmente la mano sull'arma. Dopo una breve introduzione e a comando, anche la consigliera federale si è lasciata andare quando ha sparato con successo con il suo fucile ad avancarica, che con la baionetta era più grande di lei. Il ministro della difesa ha ricevuto un grande e caloroso applauso da tutti i presenti, ridendo e visibilmente di buon umore. In seguito, il pubblico è stato invitato ad un aperitivo.

Infine, ha avuto luogo la cerimonia vera e propria: il passaggio della bandiera. Walter Lussi ha sostituito Markus Tannast, che era l’alfiere da fine giugno 2015. Tradizionalmente, la bandiera della federazione viene consegnata ad un nuovo alfiere dopo ogni Festa Federale di Tiro. Nella cerimonia solenne, la bandiera è passata dalle mani di Tannast a Christophe Darbellay, presidente del comitato organizzatore della FFT Vallese 2015. L'ha consegnata in seguito al vicepresidente della FST Paul Röthlisberger, che a sua volta l'ha consegnata al presidente del CO di Lucerna 2020 Paul Winiker. Infine, è stato cerimoniosamente sventolata dal palco dal nuovo alfiere Walter Lussi di Eschenbach LU di fronte al pubblico che applaudiva.

 «Ci vediamo alla Festa federale di tiro a Coira 2026!»
Nel suo discorso, Amherd ha sottolineato l'importanza storica della Festa federale di tiro per la Svizzera moderna: nel 1849, un anno dopo la fondazione dello Stato federale, aveva avuto luogo il secondo "federale". "Le conquiste di questa nuova forma di stato sono state celebrate lì. Nella sua opera "Das Fähnlein der sieben Aufrechten", Gottfried Keller descrive come le società di tiro e le feste federali di tiro abbiano dato un contributo decisivo alla conservazione della democrazia diretta nello Stato federale svizzero". Oggi, ha detto, tutti e tre esistono ancora: la federazione svizzera di tiro, ora Federazione sportiva svizzera di tiro, che presto celebrerà il suo 200° anniversario, la Festa federale di tiro con fino a 70’000 partecipanti - e anche la Svizzera, lo stato moderno con oltre 8,7 milioni di abitanti. "Il fatto che tutti e tre esistano ancora oggi, che funzionino, è qualcosa a cui abbiamo contribuito tutti insieme - e il nostro contributo sarà richiesto anche in futuro".

Nel suo discorso di benvenuto, il vicepresidente della FST Paul Röthlisberger ha accentuato, tra l'altro, il rapporto speciale tra le forze armate e la FST. "La FST e con essa i tiratori hanno un partenariato di lunga data con l'esercito. Il tiro come sport popolare sarebbe molto diverso senza il sostegno dell'Esercito svizzero, sarebbe addirittura in grave pericolo", ha detto Röthlisberger. L'esercito è anche di grande importanza nello sport d’elite. Su un totale di 18 posti quali militare a contratto come atleta d’elite, due sono dei tiratori - e uno di loro, Nina Christen, come tutti sanno, ha portato alla Svizzera due medaglie olimpiche in una volta vincendo oro e bronzo. "Ci vediamo alla Festa federale di tiro a Coira nel 2026!", ha concluso il suo discorso il vicepresidente della FST.

Impressionen

swiss_olympic_member.png Swisslos_Logo.png Logo_LoRo.jpg STG_ohne_Claim_RGB.jpg