Federazione sportiva svizzera di tiro

Heidi Diethelm Gerber è di ritorno in Svizzera

Von Müdigkeit nach dem 12-stündige Flug von Tokyo nach Zürich war ihnen absolut nichts anzumerken: Heidi Diethelm Gerber mit ihrem Gatten und Trainer Ernst Gerber.

Von Müdigkeit nach dem 12-stündige Flug von Tokyo nach Zürich war ihnen absolut nichts anzumerken: Heidi Diethelm Gerber mit ihrem Gatten und Trainer Ernst Gerber.

Heidi Diethelm Gerber è ritornata in Svizzera dai Giochi Olimpici di Tokyo. All'aeroporto di Zurigo la nostra atleta è stata accolta da rappresentanti dei tiratori turgoviesi e dal vice-presidente FST Paul Röthlisberger.

Sabato pomeriggio 31 luglio, Heidi Diethelm Gerber e il suo allenatore e marito Ernst Gerber sono atterrati all'aeroporto di Zurigo. Il ricevimento si è svolto in un ambiente adeguato, anche se ridotto. Tra gli altri hanno reso omaggio a Heidi Diethelm Gerber il vicepresidente della FST Paul Röhtlisberger, il presidente dell'associazione cantonale di tiro turgoviese Werner Künzler, la presidente dei tiratori match turgoviesi Doris Michelin e Marcel Ochsner, presidente dell'associazione nazionale dei matcheurs.

L'eccezionale atleta è apparsa rilassata, ma ha anche chiarito che ora non vedeva l'ora che arrivasse in Svizzera- non c'è da meravigliarsi, dopo tutto, il volo da Tokyo a Zurigo ha richiesto quasi 12 ore. Inoltre, la partecipazione di Diethelm Gerber a Tokyo segnerà la fine della sua eccezionale carriera di tiratrice. Se ne è già resa conto? "No, oggi mi sono trovata a pensare esattamente a come dovrei allenarmi. Il mio programma di allenamento per le prossime settimane era già fissato", dice con una risata. Al momento, si sente ancora un'atleta: "ma devo anche finire tutto l'ultimo anno folle per Tokyo prima, ci vorrà del tempo", dice Diethelm Gerber. Logicamente, questo include anche la competizione olimpica con la pistola sport, che era anche la sua ultima apparizione sulla scena internazionale. Nella parte di fuoco rapido Diethlem Gerber è stata in grado di migliorare, la sua seconda qualificazione finale olimpica era a portata di mano. Solo un 7 al quintultimo colpo ha fatto sì che questo sogno non diventasse realtà. "Anche un 8 non sarebbe stato sufficiente. I 9 nella penultima serie sono stati decisivi", ha detto Diethelm Gerber. Prima dell'ultimo serie ha detto a sé stessa: "ora devi tenere il passo. Poi sono andata fino in fondo, anche con quell'unico colpo per il quale non ero davvero pronta. Probabilmente ero un po' troppo motivata", dice con una risata. È difficile analizzare tutto esattamente così presto dopo. "Alla fine, semplicemente non era destino", riassume il bronzo olimpico di Rio 2016.

Galerie

K800_IMG_4725.JPG K640_IMG_4716.JPG K640_IMG_4738.JPG K800_IMG_4713.JPG
swiss_olympic_member.png Swisslos_Logo.png Logo_LoRo.jpg STG_ohne_Claim_RGB.jpg