Federazione sportiva svizzera di tiro

«Superate le nostre proprie aspettative»

Das Schweizer Schützen-Team hatte allen Grund zum Jubeln: einmal Gold und zweimal Silber lautet die Ausbeute des Schweizer Sextetts – damit eroberte es drei von insgesamt zehn Schweizer Medaillen an den European Games Minsk.
Copyright: Swiss Olympic
Source/Photographer: Dominic Brügger

Das Schweizer Schützen-Team hatte allen Grund zum Jubeln: einmal Gold und zweimal Silber lautet die Ausbeute des Schweizer Sextetts – damit eroberte es drei von insgesamt zehn Schweizer Medaillen an den European Games Minsk. Copyright: Swiss Olympic Source/Photographer: Dominic Brügger

Un oro, due argenti e un cartellino olimpio per i Giochi di Tokyo 2020: il bottino delle tiratrici e tiratori svizzeri agli European Games a Minsk 2019 è stato molto positivo.

Risultati

 

Gli European Games a Minsk sono stati uno dei punti culminanti della stagione. Più di 4000 atlete ed atleti di circa 50 paesi si sono misurati nella capitale bielorussa. La delegazione svizzera contava complessivamente 78 atlete ed atleti in 14 discipline. Tra loro vi erano anche sei tiratrici e tiratori – e si sono fatti vedere oltre alla famiglia dei tiratori. Completamente inatteso è stato che il tiro sportivo – che nota bene paragonato all’atletica e il ciclismo è uno sport di nicchia – ad entrare nel focus dell’opinione pubblica. Una situazione di cui non possiamo che approfittare: andiamo però con ordine.

Dopo l’inizio dei secondi European Games con le gare Mixed fucile e pistola 10m che avevano ancora lasciato un po’ di amaro in bocca – soprattutto le due coppie al fucile hanno sorpreso in negativo con piazzamenti a fondo classifica – ci ha pensato Nina Christen al terzo giorno di gara (24.6) a far emergere le prime emozioni presso i fans svizzeri dei tiratori. La nidvaldese ha dimostrato ancora una vola in modo molto chiaro e di essere un vero tipo da gara. In finale è stata praticamente sempre al secondo rango e dunque sempre in corsa per una medaglia conquistando l’argento per la Svizzera, la prima medaglia svizzera agli European Games.

Passo dopo passo, al quarto giorno è giunta la successiva medaglia. Ai campionati internazionali e alle Coppe del mondo non si spara più il match a terra al fucile 50m, agli European Games a Minsk questa disciplina la si è avuta in una gara Mixed. Entrambe le coppie svizzere hanno dimostrato di trovarsi a proprio agio in questa disciplina: Nina Christen e Jan Lochbihler ha vinto l’oro mentre Petra Lustenberger e Christoph Dürr sono giunti al buono sesto rango.

 

BILANCIATA, CONSTANTE, FORTE: HEIDI DIETHELM GERBER

Prima degli European Games Heidi Diethelm Gerber si è espressa nel modo seguente: «desidero arrivare almeno tra le migliori otto, in seguito si ha poi logicamente l’ambizione di arrivare al podio. Il cartellino per i Giochi Olimpici di Tokyo non è il mio obiettivo primario. Ritengo che non bisogna pensarci. A Minsk voglio semplicemente ottenere la mia migliore prestazione (...).» Ciò che la 50enne campionessa in carica ha però mostrato il quinto giorno di gara nella sua disciplina principale alla pistola 25m richiede rispetto non solo dai fan del tiro sportivo. Bilanciata, costante, forte: con queste parole si può definire la prestazione di Heidi Diethelm Gerber. Soprattutto in finale, Diethelm Gerber ha messo a frutto tutta la sua classe e rountine. Complessivamente Diethelm Gerber ha dovuto assolvere tre Shoot-Off. Alla fine era in lotta per l’oro o l’argento, Diethelm Gerber e la greca Anna Korakaki hanno entrambe ottenuto 35 colpiti. In questo duello finale la greca si è imposta: Heidi Diethelm Gerber ha vinto l’argento, un risultato grandioso che le assicura anche il cartellino olimpico. Diethelm Gerber, dopo Nina Christen, è la seconda tiratrice svizzera che può festeggiare questo enorme successo.

Un po’ più amari sono stati i risultati all’ultima giornata di tiro con partecipazione degli svizzeri: sia Petra Lustenberger che Nina Christen hanno mancato l’accesso alla finale al fucile 50m nelle tre posizioni. Soprattutto Lustenberger era sulla buona via fin dopo le prime due serie in piedi, nella terza ha fatto troppi errori che la hanno tagliato le gambe. Alla fine Lustenberger è giunta al 19. rango.

In questo modo l’avventura della delegazione svizzera agli European Games a Minsk è terminata. Daniel Burger, capo dell’ambito sport d’elite ha tratto un bilancio positivo: «eravamo un buon team», ha sottolineato. «Con tre medaglie e un cartellino olimpico abbiamo superato i nostri obiettivi.»

Come già indicato, i successi delle tiratrici e tiratori svizzeri hanno avuto un buon eco nei media – e non è una cosa ovvia visto che normalmente sono le altre discipline ad approfittarne maggiormente. Un utente online sul portale internet della SF DRS ha colpito in pieno la situazione: «grazie per questo resoconto. Perché non vi sono resoconti più lunghi sui successi dei tiratori svizzeri? Questa disciplina sportiva ci ha già regalato tre medaglie agli European Games? Vogliate dare maggior risalto mediatico a queste prestazioni eccezionali.»

La piccola, ma buona delegazione svizzera a Minsk ha marcato presenza con i suoi successi per permettere allo sport del tiro di avere qui in Patria l’attenzione che merita. (cpe)

Die Schweizer Medaillengewinner der European Games 2019

K1600_190624134350_DB.JPG K800_Podium 50m Mixed.JPG 2019-06-26_EG-Minsk_Swiss-Olympic_019.JPG