Federazione sportiva svizzera di tiro

Nina Christen vince l'argento europeo

Momentaufnahme unmittelbar nach Ende des Finals: Nina Christen (links im Bild) mit der drittplatzierten Österreicherin Franziska Peer.

Momentaufnahme unmittelbar nach Ende des Finals: Nina Christen (links im Bild) mit der drittplatzierten Österreicherin Franziska Peer.

In una finale al cardiopalma, Nina Christen vince ai CE a Osijek (CRO) l'argento al fucile 10m. Esattamente un decimo dopo tre Shoot-Off separano la Nidvaldese dalla medaglia d'oro andata alla Rumena Laura-Georgeta Coman. Christen si è così assicurata la prima medaglia individuale ad un campionato Europeo per la Svizzera dal 2016.

Quando è il momento è pronta a dare tutto e dimostra che è un tipo da gara: Nina Christen ha mostrato alla finale al fucile 10m e durante tutta la gara una prestazione ottima e costante. La tiratrice di Wolfenschiesserin era praticamente sempre in testa. Oggi o mai più – questo il pensiero per una medaglia ad un CE indoor per la Svizzera., medaglia da lungo tempo attesa. Sarebbe stata la prima per un elite dal 2016, quando Petra Lustenberger vinse il bronto al fucile 10m.

L'atmosfera era tesa e la tensione palpabile e Christen ha combattuto un duello intenso con la rumena Laura-Georgeta Coman. Dopo l'ottava e ultima serie, la svizzera era in testa con 228.7 punti, tre decimi di vantaggio sulla sua inseguitrice. Ciò che è seguito era come una trama di Hitchcok: Christen e Coman hanno dovuto sfidarsi in ben  tre Shoot-Off. Nell'ultimo la nostra ha ottenuto 10.3, la rumena 10.4 – un decimo fa dunque la differenza tra oro e argento. Entrambe le tiratrici hanno concluso la finale a parimerito con 249.1 punti.

Bronzo è andato all'austriaca Franziska Peer con 228.3 punti.


«LA VITTORIA DELL'ARGENTO NON È UN CASO»

La gioia nel team svizzero, che ha sostenuto Christen durante tutta la gara non è stato minore a seguito dell'argento – al contrario. Alla fine tutti sono entrati sul Shooting Range, per abbracciare la loro collega. Nina Christen ha realizzato solo parzialmente l'accaduto: «ora ho bisogno di un momento», ha affermato sorridendo. Poco dopo era in grado di mettere ordine i fatti appena accaduti: «sono molto contenta per questa medaglia. È una conferma del mio lavoro negli ultimi mesi e mostra che sono sulla buona strada», afferma Christen.
Come ha gestito i tre Shoot-Off dal punto di vista dei nervi? Sapeva sempre dove si trovava e non si è lasciata innervosire. «Forse la vittoria in Coppa del Mondo a Nuova Delhi mi ha dato quel niente in più di fiducia nei mei mezzi e anche calma», spiega la nidvaldese. A fine febbraio 2019 Christen aveva vinto nella capitale indiana il match nelle tre posizioni e aveva conquistato un cartellino olimpico per la Svizzera per i Giochi di Tokyo 2020.

«La vittoria dell'argento non è un caso», afferma Daniel Burger, capo dello sport d'elite della FST. Nina Christen ha personalità e vuole arrivare «molto avanti». Mostra carattere al momento giusto, afferma Burger. Gli fa particolarmente piacere che la delegazione svizzera possa portare nuovamente a cadsa una medaglia. Nel tiro all'aria compressa è tutt'altro che un'ovvietà. se si pensa che alla fine un solo decimo ha fatto la differenza tra oro e argento: «è un mezzo millimetro... incredibile», riassume Burger. (cpe)

EM Osijek (CRO)

Resultate

Impressionen

K1600_1K800_Nina Medaille.JPG K1600_IMG_3530.JPG K1600_5K800_Nina Einzel.JPG K1600_7K800_IMG_3571.JPG K1600_IMG_3514.JPG K1600_K800_IMG_3447.JPG K1600_K800_IMG_3444.JPG K1600_K800_IMG_3463.JPG K1600_K800_IMG_3543.JPG