Federazione sportiva svizzera di tiro

Quando il fucile d’assalto è proibito

Con l’entrata in vigore della nuova legge sulle armi nel 2019, i fucili semiautomatici come il fucile d’assalto 90 o 57 sono diventati «arma proibita». Il 14 agosto 2022 scade il termine transitorio e il termine di annuncio. Chi non ha annunciato entro tale termine la propria arma, potrebbe avere problemi.

A metà maggio 2019, l'elettorato svizzero ha approvato la modifica della direttiva sulle armi dell'UE. 25 cantoni hanno votato a favore della legge, mentre solo il Canton Ticino ha espresso un chiaro NO alle urne. Con l'adozione della direttiva UE sulle armi, nell'agosto 2019 sono entrate in vigore nuove norme e regolamenti per l'acquisto di armi semiautomatiche. Da allora è scaduto anche il periodo transitorio di 3 anni per la denuncia alle autorità cantonali delle armi semiautomatiche vietate. Il periodo di notifica scade il 14 agosto 2022, dopodiché ci saranno conseguenze se un'arma non sarà iscritta nel registro delle armi.

Corsa agli uffici cantonali delle armi
Gli uffici cantonali delle armi, responsabili dell'attuazione della legge sulle armi, sono in fibrillazione da diversi mesi: «nelle ultime settimane sono aumentate notevolmente le richieste gratuite informazioni dal registro delle armi e anche le richieste telefoniche su questo argomento», afferma ad esempio il dipartimento armi, esplosivi e commercio della Polizia cantonale di Berna. Le risposte degli altri corpi di polizia sono più o meno le stesse. Alcuni utilizzano temporaneamente persino personale in pensione come rinforzo. Oltre alla scadenza del termine di registrazione in agosto, la domanda di permessi d’acquisto armi è generalmente aumentata dopo la pandemia e la guerra in Ucraina.

Cosa devono fare ora i tiratori?
La nuova legge sulle armi vieta il possesso delle seguenti armi semiautomatiche a percussione centrale: «armi da pugno di un dispositivo di caricamento ad alta capacità (più di 20 cartucce) e armi portatili dotate di un dispositivo di caricamento ad alta capacità (più di 10 cartucce) », secondo l'articolo 5, paragrafo C. In concreto, ciò significa che i fucili d'assalto 90 e 57, ampiamente utilizzati tra i tiratori, sono vietati e possono ora essere acquistati dai civili solo con un permesso eccezionale. Un'eccezione è prevista per i fucili d'ordinanza che vengono presi in consegna direttamente dal proprietario al termine del proprio servizio; in questo caso, è ancora sufficiente il permesso d’acquisto armi (PAA).

I detentori di armi che ora rientrano nella categoria delle «armi proibite» e che non sono state prese acquistate direttamente dall'esercito dovrebbero quindi controllare al più tardi ora se la loro arma è registrata correttamente. Ad esempio, chi ha acquistato un fucile d'assalto civile 90 con un permesso acquisto armi due anni prima della modifica della legge del 15 agosto 2019 non deve fare nulla, secondo la polizia cantonale di Berna: «in questo caso non è necessaria una registrazione, poiché l'arma è già iscritta nel registro delle armi», La situazione è diversa se l'arma non è stata acquistata con un PAA o non è stata iscritta nel registro delle armi. Questo può essere il caso in particolare delle armi acquisite prima del 2008 (revisione della legge sulle armi). Gli uffici cantonali delle armi forniscono gli appositi moduli per la registrazione successiva.

Potrebbero esserci fastidi
Chi non rispetta il termine di notifica di tre anni non è direttamente perseguibile, ma l'arma potrebbe venir confiscata. In questi casi, il proprietario deve poi presentare entro tre mesi una richiesta di permesso d‘acquisto eccezionale o trasferire le armi da fuoco a una persona autorizzata. Se questo non funziona, le armi in questione saranno confiscate definitivamente.

È quindi opportuno informarsi al più tardi ora sulla condizione di proprietà delle armi e presentare le eventuali notifiche all'ufficio armi del proprio cantone entro il 14 agosto 2022.

swiss_olympic_member.png Swisslos_Logo.png Logo_LoRo.jpg STG_ohne_Claim_RGB.jpg